L’esperienza del viaggio a Scicli con SEM

L’intento di SEM, fin da subito, è stato quello di creare un modello capace di far vivere a trecentosessanta gradi l’esperienza emozionale di vivere a Scicli a chiunque venga a visitarci. Rubino | Rotte del Vino cercherà, attraverso i suoi percorsi, di accompagnare i visitatori in un cammino emozionale che, spaziando, li porterà dall’arte contemporanea e barocca all’enogastronomia.

esperienze_di_viaggio
foto di Luigi Mengato

Tutto inizierà lasciando l’auto nelle apposite aree parcheggio perché Scicli si vive lentamente al fine di gustare pienamente le sue bellezze. Due sono i cuori pulsanti della manifestazione: il centro storico e il Complesso di Santa Maria della Croce. Il nostro percorso comincia dalle Quam, le Quadrerie del monastero, galleria d’arte contemporanea che, oltre alla sua naturale funzione, sarà uno dei due punti (l’altro è presso i locali dell’ex Camera del Lavoro) Info Point, vendita ticket e distribuzione mappa con i luoghi di Rubino. A Quam troveranno inoltre luogo le prime due installazioni di DITHYRAMBUS, il progetto d’arte contemporanea che abbraccia Rubino e si snoderà fra i luoghi di Via Francesco Mormino Penna come Palazzo Spadaro e l’Atrio comunale, oltre al Giardino della Chiesa di San Giovanni Evangelista in Via Spadaro e al sagrato della Chiesa di Santa Maria della Consolazione in Via Santa Maria la Nova. Completeranno il programma di Dithyrambus, gli eventi musicali come il concerto jazz dell’Antonella Leotta Quartet il venerdì alle 22.00 a Palazzo Spadaro e i Giardini Sonori di sabato e domenica in Via Spadaro e Via Aleardi, aperti dalle 21.00 alle 24.00.

Via Francesco Mormino Penna, infine, sarà la direttrice degli eventi organizzati dall’Associazione Italiana Sommelier sezione Sicilia e dal suo presidente, Camillo Privitera: tra Palazzo Spadaro e il Museo della Cucina Iblea si svolgeranno giornalmente le lezioni del mini corso di avvicinamento al vino mentre, dalle 19.00 in poi, nei locali dell’ex Camera del Lavoro ci saranno le degustazioni guidate che di volta in volta, nell’arco delle tre giornate, vedranno protagonisti, rispettivamente, il “Cerasuolo di Vittoria DOCG” e “I Vigneri”. Dopo la degustazione, la serata può essere completata presso gli otto Ristoranti Rubino, dove, previa prenotazione, si può andare “A cena con il produttore” abbinando piatti della tradizione locale ai vini presenti all’evento.

rubino-via_mormino_penna

Visitato il centro storico, non ci resta che salire sulla nostra navetta (il cui costo è compreso nel ticket di ingresso) presso Largo Gramsci, a duecento metri dall’Info Point delle Quam, e salire verso il Complesso della Croce: lì l’Expo Vino rimarrà aperto dalle 15.00 alle 19.00 il venerdì e dalle 10.30 alle 18.00 il sabato e la domenica e si potranno visitare gli stand delle cantine vinicole presenti all’evento e assaggiare, così, l’essenza delle varie etichette, spaziando anche tra gli espositori gastronomici e il punto ristoro gestito direttamente da SEM dove trovare prodotti e piatti tipici della Carta dei Sapori di Scicli. Da non dimenticare, a questo proposito, i mini eventi dove Slow Food incontrerà alcuni alimenti promossi dalla Carta dei Sapori: in questo caso gli appuntamenti sono per venerdì e domenica, sempre alle ore 17.00.

Solo a questo punto, mentre ammirerete lo splendido panorama di Scicli affacciati sul belvedere del Convento della Croce, potrete aver considerato concluso il viaggio esperienziale di Rubino.

© 2017 A MarketPress.com Theme